venerdì 30 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Le Basi Neurali del Comportamento Sessuale

Pag 541 del Testo.

Il Comportamento Sessuale è un argomento vasto, complesso e provocatorio.

Esso spazia dalle dinamiche e dalla meccanica e biologia dell'atto sessuale alle miriadi di pratiche culturali delle società umane.

Andremo a toccare solo dei frammenti di questo tema.


  1. Si comincerà con i Neuroni Autonomi [del Sistema Nervoso Autonomo] e Spinali [del Sistema Nervoso Centrale, nel Midollo Spinale] che controllano i Genitali.
  2. Quindi si discuteranno le varie Strategie di Accoppiamento.
  3. Si concluderà quindi con alcune ricerche sui Meccanismi Cerebrali che sono importanti per la Monogamia e la Genitorialità. 



lunedì 26 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Il Controllo Ormonale del Sesso; Il Controllo degli Ormoni Sessuali mediante Ipofisi e Ipotalamo

Pag 539-540 del Testo

Il Lobo Anteriore della Ghiandola Pituitaria (o Ipofisi) secerne due Ormoni che sono particolarmente importanti per il normale Sviluppo e Funzione Sessuale sia nell'Uomo che nella Donna, ne abbiamo parlato anche qui (punti 2.a e 2.b ).


  1. Ormone Luteinizzante (Luteining Hormone, abbreviato in LH) 
  2. Ormone Follicolo-Stimolante (Follicle-Stimulating Hormone abbreviato in FSH)
Questi Ormoni vengono definiti Gonadotropine.

LH ed FSH vengono secrete da Cellule Specializzate disseminate attraverso il L.A.G.P. del quale rappresentano circa il 10% del totale delle Cellule presenti. 

Ricordiamo dall'articolo su citato che la Secrezione di Ormoni da parte dell'L.A.G.P. è sotto il controllo degli Ormoni Ipofisiotropici rilasciati dall'Ipotalamo. 

L'Ormone di Rilascio delle Gonadotropine (Gonadotropin-Releasing Hormone GnRH) è un Ormone Ipofisiotropico, e quindi dall'Ipotalamo, come suggerisce il nome, determina il rilascio di LH ed FSH da parte dell'L.A.G.P. 

Si tenga presente che GnRH è chiamato Ormone di Rilascio dell'Ormone Luteinizzante (Luteining Hormone-Releasing Hormone abbreviato in LHRH) perchè provoca un incremento dell'LH di gran lunga superiore a quello dell'FSH. 

L'Attività Neurale nell'Ipotalamo è influenzata da numerosi fattori ambientali e psicologici che influiscono indirettamente nella Secrezione di Gonadotropine dall'L.A.G.P.

Il Processo dall'Input Ipotalamico fino alla Secrezione di Ormoni delle Gonadi è illustrata nella figura seguente.

[Praticamente l'eccitazione sessuale è dovuta a stimoli esterni di natura psicologica e sensoriale, nonchè ovviamente visiva (ma anche olfattiva ed acustica), quindi si attiva il rilascio di GnRH che attiva la produzione di LH >> FSH che interviene direttamente sulle Gonadi che producono Testosterone se Maschio o Estradiolo se Femmina (a partire dal Colesterolo secondo la procedura di Sintesi che si basa sull'enzima Aromatasi) e a questo punto c'è un feedback, ma vediamo cosa riporta il testo]



  1. L'Input Neurale dalla Retina, corrispondente principalmente alla Variazione di Intensità Luminosa nel Ciclo Diurno viene trasmesso all'Ipotalamo.
  2. La Risposta a questa Eccitazione è il Rilascio di GnRH (in alcune specie non umane si verifica una forte variazione Stagionale nel Comportamento Riproduttivo e nella Secrezione di Gonadotropina).
  3. La Luce inibisce la produzione dell'Ormone Melatonina nella Ghiandola Pineale.
  4. L'inibizione della Melatonina aumenta la Secrezione di Gonadotropina. 
Attraverso questo Circuito "Ottico" l'Attività Riproduttiva viene influenzata dal variare della lunghezza del giorno nel corso dell'anno. 

Tutto è congegnato in modo che la Prole "venga alla luce" [espressione che in questo contesto assume un significato scientificamente rilevante ] nel periodo dell'anno in cui ha maggiori chances di sopravvivenza. 

Nella Specie Umana, abbiamo una relazione inversamente proporzionale tra Livelli di Melatonina e Rilascio di Gonadotropina. 

Ma se la Melatonina Moduli il Processo Riproduttivo è a tutt'oggi ancora da scoprire.


  • Negli individui di Sesso Maschile:


  1.  L'Ormone LH Stimola i Testicoli a produrre Testosterone.
  2. L'Ormone FSH è coinvolto nella maturazione delle Cellule Spermatiche nei Testicoli.
Anche la maturazione dello Sperma stesso richiede Testosterone. Questo vuol dire che LH e FSH giocano un ruolo cruciale nella Fertilità Maschile.

Dal momento che c'è un Input Corticale nell'Ipotalamo [probabilmente legato alle Influenze Sensoriali e Psicologiche] è possibile che Fattori Psicologici [appunto] possano interferire con la Fertilità Maschile inibendo la Secrezione di Gonadotropina e la Produzione di Sperma. 



  • Negli individui di Sesso Femminile:
LH e FSH provocano la Secrezione di Estrogeni dalle Ovaie. In assenza di Gonadotropine, le Ovaie sono inattive, e questo accade nell'infanzia femminile.

Le variazioni Cicliche dei livelli di LH ed FSH nelle Femmine adulte provoca cambiamenti periodici nelle Ovaie, e la periodicità e la durata della Secrezione di LH ed FSH determina la natura del Ciclo Riproduttivo o Ciclo Mestruale.

Nella Fase Follicolare del Ciclo, questi Ormoni (come dice la parola stessa in particolare FSH ossia l'Ormone per la Stimolazione dei Follicoli) hanno l'effetto di aumentare la crescita di un piccolo numero di Follicoli, che sono le cavità nelle Ovaie che racchiudono e conservano gli Ovuli (le Cellule Uovo).

Nella Fase Luteale dopo l'espulsione degli Ovuli, le piccole Cellule che circondano gli Ovuli subiscono mutazioni chimiche in un processo detto Luteinizzazione, il quale come dice la parola stessa dipende dal Rilascio di LH dalla Ghiandola Pituitaria.

La durata delle Fasi Follicolare e Luteale del Ciclo Riproduttivo varia significativamente per diversi Mammiferi.

Tuttavia le Fasi sono grossomodo della stessa durata per il Ciclo Mestruale di tutti i Mammiferi Primati. 

Nel Ciclo Estrale dei Mammiferi Non Primati, come Ratti e Topi, la Fase Luteale è molto più breve.
In altri animali Estrali, come Cani, Gatti, ed animali da cortile o da allevamento, le Fasi sono più vicine come durata.

Molti animali Estrali hanno un solo Ciclo all'anno, tipicamente a Primavera. Probabilmente, questa periodicità è correlata al fatto che in questo modo si permette alla Prole di venire alla luce nel periodo più favorevole per il Clima e la Disponibilità di Cibo.

Nell'altro estremo invece abbiamo animali come i Ratti, che sono detti a Ciclo Poliestrale, dal momento che hanno brevi periodi di "Estro" o "Calore" durante l'anno. 

giovedì 22 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Il Controllo Ormonale del Sesso; I Principali Ormoni Maschili e Femminili.

Pag. 538 del Testo

Gli Ormoni Sessuali Steroidei sono spesso riferiti a "Maschio" e "Femmina".

Ma gli Uomini hanno anche Ormoni "femminili" e viceversa.

Questa designazione è riferita al fatto che negli Esseri Umani:

  •  il Maschio ha più alte concentrazioni di Androgeni ovvero Ormoni Maschili,
  • la Femmina ha più alte concentrazioni di Estrogeni ovvero Ormoni Femminili,
Quindi ad esempio riferendoci all'articolo precedente, il Testosterone è un Androgeno, l'Estradiolo è un Estrogeno. 

E' molto interessante dare un'occhiata alla serie di Reazioni Chimiche che a partire dal Colesterolo portano alla produzione di Ormoni Sessuali.

L'Estradiolo, Ormone Sessuale Femminile, Estrogeno, è sintetizzato [biosintesi] a partire dal Testosterone, Ormone Sessuale Maschile, Androgeno, con l'aiuto di un enzima chiamato Aromatasi.

Facciamo riferimento alla figura a sinistra per illustrare il processo di sintesi degli Ormoni Sessuali Testosterone => Estradiolo (via Aromatasi) a partire dal Colesterolo.

Gli Steroidi agiscono in modo differente dagli altri Ormoni, per via della loro struttura.

Alcuni Ormoni, come la Vasopressina e l'Ossitocina [di cui ci siamo occupati parlando della Ghiandola Pituitaria negli articoli precedenti], sono Proteine, e quindi non possono attraversare il Doppio Strato Lipidico di una Membrana Cellulare. Pertanto questi Ormoni agiscono ai Recettori con zone di Legamento Extracellulare.

Invece gli Steroidi sono Grassi, e quindi possono facilmente attraversare le Membrane Cellulari, e legarsi ai Recettori nel Citoplasma, ed avere così accesso diretto al Nucleo ed all'Espressione Genica.

Differenze di Concentrazione dei vari Recettori determinano effetti di Steroidi localizzati in differenti aree del Cervello.

I Testicoli sono i principali responsabili del rilascio di Androgeni, sebbene piccole quantità sono secrete dal Surrene e da altre parti.

Il Testosterone è di gran lunga il più abbondante Androgeno, ed è responsabile di molti effetti ormonali mascolinizzanti.

A livello Prenatale, elevati livelli di Testosterone sono essenziali per lo sviluppo del Sistema Riproduttivo Maschile.

Aumenti di Testosterone, in seguito, durante la Pubertà, regolano lo Sviluppo di Caratteristiche Sessuali Secondarie, che vanno dall'incremento dello Sviluppo Muscolare alla produzione di peluria sul volto (Barba, Baffi) e negli animali ad es. allo sviluppo della Criniera del Leone.

Curiosamente, a causa di una Predisposizione Genetica, il Testosterone nell'Uomo provoca anche la Calvizie.

La concentrazione di Testosterone nella Donna è pari al 10% di quella dell'Uomo.

Il livello di Testosterone presente nell'Uomo non è costante durante il giorno. Esso varia in funzione di vari fattori come:

  • Stress
  • Sforzo fisico
  • Aggressività
Non ci è chiaro se l'aumento di Testosterone sia una Causa o un Effetto ma è correlato con sfide sociali, rabbia, e conflittualità. 

I Principali Ormoni femminili sono Progesterone ed Estradiolo, essi sono secreti dalle Ovaie.

Come detto in precedenza, l'Estradiolo è un Estrogeno.

Il Progesterone invece appartiene ad un'altra classe di Ormoni Steroidei Femminili detti Progestine.

Presente in scarsa quantità durante l'infanzia, i livelli di Estrogeni aumentano considerevolmente durante la pubertà femminile e controllano la maturazione del Sistema Riproduttivo Femminile e lo Sviluppo Mammario.

Come per i Maschi, anche per le Femmine le Concentrazioni nel Flusso Ematico di Ormoni Sessuali sono piuttosto variabili.

Ma mentre per un Maschio le fluttuazioni di Testosterone avvengono nell'arco di 24 ore, per la Femmina queste fluttuazioni avvengono in un Ciclo regolare di 28 giorni. 

martedì 20 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Il Controllo Ormonale del Sesso

Pag. 537-538 del Testo

Gli Ormoni sono sostanze chimiche, che vengono rilasciate nel Flusso Ematico, le quali regolano i Processi Fisiologici.

Le Ghiandole Endocrine a cui siamo in primo luogo interessati sono:


  •  Ovaie e Testicoli, perchè Rilasciano Ormoni Sessuali. 
  • Ghiandola Pituitaria (o Ipofisi) perchè Regola questo Rilascio.

Gli Ormoni Sessuali sono fondamentali per lo Sviluppo ed il Funzionamento del Sistema Riproduttivo e del Comportamento Sessuale.

Gli Ormoni Sessuali sono Steroidi (di cui si parla in questo articolo), ed alcuni di loro ci sono familiari, come il Testosterone, e gli Estrogeni.

Gli Steroidi sono Molecole sintetizzate a partire dal Colesterolo, il quale ha quattro Anelli di Carbonio [da Wikipedia apprendiamo che essendo uno Sterolo è composto da tre Anelli a sei atomi di Carbonio e uno a cinque, condensati che presumo voglia dire che sono connessi tra loro.]

Quindi a differenza della opinione comune il Colesterolo ha qualcosa di buono, e piccole alterazioni della Struttura di Base del Colesterolo hanno profonde conseguenze per l'effetto degli Ormoni.

Ad esempio, il Testosterone è il più importante Ormone per lo sviluppo dell'individuo Maschio, ma esso differisce dall'importante Ormone Femminile Estradiolo di poche posizioni nella Molecola.

[per la precisione la differenza si ha nel primo anello che è Aromatico nell'Estradiolo, legato ad un gruppo Ossidrilico o Alcoolico -OH, mentre nel Testosterone si ha un Gruppo Chetonico CO nel primo anello che non è Aromatico.

Ora un po' di nomenclatura di Chimica Organica.
 Da quanto si evince da Wikipedia:

  1.  il suffisso -olo come in Etanolo, Metanolo, Propanolo è legato alla presenza del gruppo Ossidrilico o Alcoolico -OH nell'Estradiolo
  2. il suffisso -one è dato proprio dalla presenza del gruppo Chetonico -CO  ]

domenica 18 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Sesso, Genere Maschile e Genere Femminile; Sviluppo Sessuale e Differenziazione.

Pag 536-537 del testo.

Le Differenze tra Maschio e Femmina sono numerose, dalla Dimensione Corporea, allo Sviluppo Muscolare, alle Funzioni Endocrine.

Sappiamo che in definitiva che il Sesso Genetico del nascituro determina il Sesso Anatomico, ovvero il Genere.

Tuttavia durante lo Sviluppo Fetale, quand'è che il Feto si differenzia in un Sesso o nell'altro? E come il Genotipo del nascituro conduce allo Sviluppo Femminile o Maschile delle Gonadi?

La risposta comporta una situazione unica delle Gonadi durante lo Sviluppo Fetale.

A differenza di Organi come Fegato e Polmoni, le Cellule rudimentali che si sviluppano in Gonadi non sono vincolate ad un unico percorso di Sviluppo.

Durante le prime 6 settimane della Gravidanza, le Gonadi sono in uno Stadio Indifferenziato, che può successivamente evolvere in Ovaie o Testicoli.

Le Gonadi indifferenziate possiedono due strutture chiave:


  1. il Dotto di Mueller (o Muller o Müller con la umlaut) detto anche Dotto Para-mesonefrico.
  2. il Dotto di Wolff detto anche Dotto Mesonefrico
Se il Feto ha un Cromosoma Sessuale Y, ed un Gene SRY [quindi esistono Cromosomi Y senza quel Gene?], viene prodotto Testosterone, ed accade quanto segue:

  1. il Dotto Mesonefrico evolve nel Sistema Riproduttivo Maschile Interno (Dotto Deferente)
  2. il Dotto Para-Mesonefrico viene inibito dall'Ormone Antimulleriano (Ingl. Müllerian-Inhibiting Factor) e quindi diventa "degenere" ossia scompare.
Se invece il Feto non ha Cromosoma Sessuale Y non si ha produzione di Testosterone e quindi:

  1. il Dotto Mesonefrico viene inibito, "degenera" quindi scompare.
  2. il Dotto Para-Mesonefrico evolve nel Sistema Riproduttivo Femminile Interno (Ovidotto o Tube di Falloppio)
La struttura Genitale Esterna di Maschi e Femmine si sviluppa a partire dalle stesse Strutture Urogenitali indifferenziate. 

Questo fa si che esista la possibilità che nasca con una "forma intermedia" in cui siano presenti sia Caratteri Genitali Maschili che Femminili. Una condizione nota come Ermafroditismo [Luxuria docet].

In figura [presa dal Testo a pag. 537] viene illustrato il processo di differenziazione. 



mercoledì 14 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Sesso, Genere Maschile e Genere Femminile; La Genetica del Sesso

Riferimento Testo pagg. 535-536

All'interno del Nucleo di ogni Cellula Umana, il DNA fornisce una codifica univoca genetica per ogni individuo.

Il DNA è organizzato in 46 Cromosomi. 23 dei quali provengono dal padre, e 23 dalla madre.

Ognuno di noi ha due versioni del Cromosoma 1, 2, 3.... fino al 23.

La numerazione dei Cromosomi è convenzionalmente stabilita in Ordine Decrescente di Lunghezza.

L'unica eccezione a questo sistema di Coppie è data dai Cromosomi Sessuali X e Y.

Quindi si afferma di solito che:


  • si hanno 44 Autosomi (22 Coppie di Cromosomi Corrispondenti)
  • 2 Cromosomi Sessuali.
La Femmina ha due Cromosomi Sessuali X uno da ciascun genitore.
Il Maschio eredita il Cromosoma Sessuale X dalla madre e quello Y dal padre.

Quindi:

  • il Genotipo Femminile è dato da XX
  • il Genotipo Maschile è dato da XY
Questi Genotipi specificano il Sesso Genetico di un individuo.

Dal momento che la madre contribuisce con un Cromosoma Sessuale X per ciascuno dei due sessi, il Genere è determinato dal Cromosoma Sessuale del padre, per cui se è X è Femmina, se è Y è Maschio.

In alcune specie animali, come gli uccelli, invece è la madre che determina il Genere della prole.

Le Molecole di DNA che formano i Cromosomi sono tra le più grandi Molecole conosciute.

Esse contengono i Geni, l'Unità Base della Informazione Ereditaria [diciamo il Bit Genetico].

La porzione di DNA che costituisce un Gene fornisce l'unica informazione necessaria per la costruzione di una specifica Proteina.

[Il Gene è il codice sorgente per la Sintesi Proteica di una specifica Proteina].

Si stima che i Geni della Specie Umana siano circa 25000.

Il Cromosoma Sessuale X è significativamente più grande del Cromosoma Sessuale Y.

Corrispondente a ciò, gli scienziati stimano che il Cromosoma Sessuale X contenga circa 1500 Geni, mentre il Cromosoma Sessuale Y ne contenga meno di 50.

Si potrebbe fare la battuta che gli Uomini siano geneticamente "shortchanged" [traducibile con imbrogliati, o fregati]. Ed in un certo senso è così [molto confortante per un Uomo].

Il Genotipo Femminile XY ha conseguenze importanti per quanto riguarda l'aspetto medico.

Se una Donna ha un Cromosoma Sessuale X geneticamente difettoso, la cosa può non essere affatto rilevante se l'altro Cromosoma Sessuale X è sano.

Invece un qualsiasi difetto genetico nel Cromosoma Sessuale X di un Maschio, determinerà difetti nello sviluppo.

Questo genere di difetto dello sviluppo si definisce Malattia legata al Cromosoma X e ne esistono diverse.

Un esempio è dato dall'incapacità di distinguere la differenza tra colori Rosso e Verde, che è una forma di Daltonismo, che è relativamente frequente in individui Maschi.

Altri esempi di Malattie legate al Cromosoma X che si verificano molto più frequentemente nei Maschi rispetto alle Femmine sono:


Confrontato con il Cromosoma Sessuale X, il piccolo Cromosoma Sessuale Y ha pochi Geni e una inferiore diversificazione di funzioni. Ma è importante soprattutto per determinare il Sesso, in particolare esso contiene un Gene detto SRY (Acronimo dell'inglese Sex-Determining Region of the Y Chromosome = Regione che determina il Sesso nel Cromosoma Y). Esso codifica una Proteina chiamata TDF (Acronimo dell'inglese Testis-Determining Factor = Fattore di Determinazione del Testicolo).

Un essere umano con un Cromosoma Sessuale Y ed il Gene SRY evolverà come Maschio, e senza di essi evolverà come Femmina.

In rari casi c'è un eccesso od una carenza di Cromosomi Sessuali, ma il Genere è sempre determinato dalla presenza o assenza del Cromosoma Y.

Pertanto un individuo X o XXX (difetto od eccesso di Cromosoma Sessuale), sarà comunque Femmina. Ed un individuo XXY o XXYY sarà comunque un Maschio [ma saranno normali costoro? ]

Il Testo a questo punto fa la storia della individuazione del Gene SRY.
Esso è localizzato nell'estremità superiore del ramo Yp, all'incirca a 3/4 della sua lunghezza.
Dove

  1. Yp+Yq=Y 
  2. Yp = (1/3)Y

Si dice che se questo Gene viene innestato nel DNA di un topolino XX, esso muta in Maschio [presumo quando è ancora in stato fetale].

Tuttavia il Gene SRY non è l'unico coinvolto nella determinazione del Sesso di un individuo.
Ed il Gene SRY d'altra parte regola dei Geni in altri Cromosomi [quindi non ha come funzione unica quella della determinazione del Sesso].

Inoltre, la Fisiologia specificatamente maschile, come la produzione di Sperma, è regolata da altri Geni sul Cromosoma Sessuale Y.

Tuttavia, vedremo che l'Espressione Genica del Gene SRY determina lo sviluppo dei Testicoli, e gli Ormoni secreti dai Testicoli sono ampiamente responsabili nel rendere lo Sviluppo Fetale Maschile diverso dallo Sviluppo Fetale Femminile.

domenica 11 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Sesso, Genere Maschile e Genere Femminile

Pag. 534 del Testo.

La parola Sesso e la la parola Genere sono spesso usati come sinonimi [traduzione letterale dal testo in inglese n.b.].

Il Genere è definito in Medicina come un insieme di molte caratteristiche e qualità che distinguono il Maschio dalla Femmina. E comprendono tra gli altri:

  • La natura dei Cromosomi Sessuali
  • Anatomia delle Gonadi ed altri Organi Genitali.
Vi sono anche altre implicazioni Culturali e Comportamentali legate al Genere, e questo comincia già dalla nascita.

Alla nascita di un bambino i genitori chiedono "è Maschio o Femmina?" [Oggi con l'evoluzione delle tecniche Ecografiche lo si sa in largo anticipo].

Senza tenere conto dell'idea della parità dei Sessi, la risposta a questa domanda porta a innumerevoli ipotesi in merito alle esperienze che il bambino avrà nella sua vita.

Nel caso di Adulti, non indaghiamo sul loro Genere, perchè, di norma, è abbastanza evidente.

Tuttavia, identificare qualcuno come Maschio o Femmina, implica parecchie ipotesi, così come la nostra idea di Genere implica un insieme di tratti biologici e comportamentali.

I Comportamenti specifici di un Genere Sessuale sono il risultato di complesse interazioni tra:

  1. Autovalutazione
  2. Aspettative Sociali
  3. Genetica
  4. Ormoni
Questi Comportamenti sono in Relazione con la Identità di Genere, che è la percezione che noi abbiamo del nostro Genere. 

Ci accingiamo a discutere alcune delle Origini Genetiche e dello Sviluppo del Genere. 

giovedì 8 novembre 2012

Il Cervello e il Sesso: Introduzione [senz'offesa]

Con riferimento a pag. 534 del Testo.

Iniziamo un capitolo "vietato ai minori".

Nell'introduzione gli Autori evidenziano che, senza il Sesso, non ci sarebbe la Riproduzione, specialmente la Riproduzione Umana [fatte salve le fecondazioni assistite ed interventi similari, che comunque presuppongono, salvo difficoltà oggettive, la produzione di Sperma da parte dell'individuo maschio, che avviene comunque per Eiaculazione, quindi per Stimolazione Sessuale ].

Senza Sesso niente Riproduzione, e senza Riproduzione niente Prole, e quindi niente Sopravvivenza della Specie.

Questi sono i semplici fatti della Vita, e per milioni di anni, il Sistema Nervoso Umano si è evoluto per ottimizzare la Sopravvivenza della Specie.

[Questo principio "macroscopico" della Sopravvivenza della Specie può essere in contrasto con quello di Sopravvivenza dell'Individuo, che invece dovrebbe starci a cuore, in effetti abbiamo visto che l'Eiaculazione è coordinata dall'attivazione della Divisione Simpatica, che non è propriamente favorevole alla Salute dell'Individuo, ma vedremo i dettagli nel capitolo]

L'Istinto alla Riproduzione può essere confrontato con la potente Motivazione a Mangiare o Bere.

Per motivi di sopravvivenza, le Funzioni per il Mantenimento della Vita [della Specie non dell'Individuo], come la Riproduzione ed il Nutrimento, non sono lasciati interamente in balìa del Pensiero Cosciente.

Essi sono regolati da Strutture Subcorticali, ed il Controllo del Pensiero Cosciente è [invece] fornito dalla Corteccia Cerebrale.

Ci accingiamo a illustrare cosa si sa sul Sesso ed il Cervello. Lo scopo non è disquisire sopra api o uccelli [...], si presuppone che il lettore abbia le nozioni sufficienti sul sesso, apprese dai genitori, insegnanti, amici, video [porno], o TV via cavo [insomma che il lettore non sia un pivello]. Invece daremo un'occhiata all'Apparato Neurale che rende possibile la Riproduzione.

Per la maggior parte, il Controllo Neurale degli Organi Sessuali usa gli stessi Percorsi Somatosensoriali e Motori esaminati in precedenza.

I Comportamenti Sessuali e Riproduttivi sono ovviamente diversi per l'Uomo e per la Donna, ma quanto sono differenti i loro Cervelli? 

Ci accingiamo a fornire una risposta a questa domanda [e ti pare poco?] e si vedrà se queste differenze sono relative solo al Comportamento Riproduttivo, o se si estendono più in generale al Comportamento ed alla Cognizione.

In definitiva, l'origine della maggior parte delle distinzioni tra Maschi e Femmine è data dai Cromosomi dei Genitori.

Sotto la guida di opportuni Geni, il Corpo Umano produce una piccola quantità di Ormoni Sessuali che hanno potenti effetti sia nella differenziazione del Corpo tra Maschio e Femmina, sia nella Fisiologia e Comportamento Sessuale dell'Adulto.

Gli Organi Riproduttivi, Ovaie e Testicoli, che secernono gli Ormoni Sessuali, sono al di fuori del Sistema Nervoso, ma vengono attivati dal Cervello.

Come visto in precedenza, l'Ipotalamo controlla il Rilascio di diversi Ormoni, dal Lobo Anteriore della Ghiandola Pituitaria. Nel caso di Funzione Riproduttiva, gli Ormoni rilasciati dal Lobo Anteriore della Ghiandola Pituitaria regolano le Secrezioni da Ovaie e Testicoli.

Gli Ormoni Sessuali hanno degli effetti ovvi sul Corpo Umano, ma essi influenzano anche il Cervello.

Sembra che vi siano effetti degli Ormoni sulla Struttura Cerebrale Complessiva, ma anche a livello di Neuriti e di Neuroni individuali.

Gli Ormoni Sessuali possono spesso influenzare la Resistenza ad alcune Malattie Neurologiche [questo è molto interessante].

Un altro punto da considerare è cosa vuol dire essere Maschio o Femmina. Il Genere Sessuale è determinato dalla Genetica, dall'Anatomia, o dal Comportamento?
La risposta non è semplice; ci sono casi di identità di Genere che non sono correlate con fattori Biologici o Comportamentali [e son quelli che poi si fanno operare a Casablanca, tipo Luxuria].

E riguardo all'Orientamento Sessuale? L'attrazione verso membri del sesso opposto o dello stesso sesso è determinata da esperienze nell'infanzia o dalla Struttura Cerebrale? [Si può capire molto su Vendola].

Queste sono domande molto stimolanti ed impegnative, che ci orientano su come percepire noi stessi e gli altri intorno a noi.

Ci accingiamo negli articoli seguenti ad esaminare l'estensione di quanto sia possibile rispondere a tali questioni osservando l'Anatomia e la Fisiologia del Sistema Nervoso.

lunedì 5 novembre 2012

Considerazioni personali sulle Neuroscienze: E se avessimo un Cervello "Wireless"?

Gli ingegneri e gli informatici in generale hanno in pratica "inseguito" il Cervello umano.
La CPU, L'Unità Centrale di Programmazione di un Elaboratore (un Computer, o un Controller di processo) è una versione grossolana del SNC. Le RAM, le ROM, le PROM sono una versione altrettanto grossolana dei Sistemi di Memoria presenti nel nostro Cervello. I Sensori con Trasduzione Elettrica, i Sensori Ottici, di Temperatura, Acustici, Tattili, di Prossimità, di Trazione, non sono altro che una versione sempre molto approssimativa di tutto l'apparato sensoriale gestito dal Sistema Motorio Somatico. I Motori Elettrici e gli Attuatori sono una versione altrettanto grezza del Sistema Muscolo Scheletrico. Con tanto di Segnali di Input da Sensori (versione grezza degli Assoni Ad Ferentes o Afferenti) e Segnali di Output verso gli Attuatori Motori (versione grezza degli Assoni Ex Ferentes o Efferenti).
Ma nei Neuroni e nelle Cellule in generale abbiamo anche delle cose che somigliano a delle Batterie o degli Accumulatori (di Energia Chimica trasformabile alla bisogna in Energia Elettrica) come i Mitocondri, ed in generale le riserve di grasso del corpo sono una riserva di Combustibile per reazioni di Ossido Riduzione che somigliano molto a quelle che avvengono nelle comuni Pile.
Abbiamo inoltre delle strutture (come le Sinapsi) che somigliano in modo impressionante a dei Condensatori Elettrici.

La domanda da porsi è: Visto che il Corpo Umano, il SNC, il Cervello, includono tutta una serie di Tecnologie e di Sistemi Elettrochimici che poi la Ricerca Tecnologica ha mutuato per altri impieghi, perchè non dovremmo avere delle Antenne? 

In altre parole, visto che nel nostro corpo avvengono milioni di reazioni elettrochimiche con generazione di microcorrenti, è certo che si generano dei Campi Magnetici. Laddove c'è un Campo Elettromagnetico, si ha anche una Irradiazione dello Stesso.

Del resto l'EEG (Elettro Encefalo Gramma) si basa proprio sulla captazione degli impulsi elettrici. Si hanno dei Sensori Elettrici Passivi (in pratica antenne) che captano l'Attività Elettrica Cerebrale.

Ora, la questione più affascinante è la seguente. Roger Penrose  uno dei più brillanti matematici viventi, grande amico di Stephen Hawking, il Fisico Teorico più grande della Storia (così almeno è stato definito) tra l'altro affetto da SLA, quindi una insigne autorità in campo scientifico ha teorizzato che nei Microtubuli della Struttura Neurale sia contenuta la Coscienza. Ha anche affermato che al momento della morte questa Coscienza si libererebbe come "energia consapevole" che viaggia nell'etere come onde radio.

Personalmente ritengo che sia il caso di continuare a sondare il Cervello per localizzare la Coscienza, ma l'ipotesi che siamo "dotati di Antenne" e che siamo in grado di comunicare attraverso di esse in qualche modo con qualche altro sistema Rice-Trasmittente, magari un altro essere umano è affascinante.

Possiamo addirittura pensare che il nostro Cervello in realtà sia un dispositivo "Client" della Coscienza, ed il "Server" è magari al di fuori del nostro Corpo, da qualche parte. E magari durante il Sonno, i Sogni non sono altro che una "fase del Backup" che il nostro Cervello compie e che quindi procede ad un Upload verso questo ipotetico Server.

Forse è solo una "sega mentale" nel senso più ampio del termine. Ma forse vale la pena investigare, quantomeno per escludere che sia così.

Domande di Riepilogo del Capitolo XVI di Neuroscience - Exploring the Brain, Motivation. Domanda numero 6

Queste sono le domande di riepilogo del Cap XVI "La Motivazione" (Motivation) 

 
6. Confrontare e Contrapporre le Funzioni di queste tre regioni dell'Ipotalamo:
  • Nucleo Arcuato
  • Organo Subfornicale
  • Organo Vascolare della Lamina Terminalis
Facendo riferimento semplicemente alla figura riassuntiva presente in questo articolo è facile rilevare come:

  1. Il Nucleo Arcuato:
    a.1) E' un sito di Trasduzione, in particolare ad una riduzione della Leptina nel Sangue, ovvero, esso ad un calo di Leptina ricevuto in input come Stimolo e(t) produce in output le tre risposte Ru(t) Risposta Umorale, Rvm(t) Risposta Visceromotoria, Rsm(t) Risposta Motoria Somatica come segue:
    a.1.1) Ru(t) diminuisce l'ACTH ed il TSH
    a.1.2) Rvm(t) attiva la Divisione Parasimpatica
    a.1.3) Rsm(t) attiva il Comportamento Alimentare (Stimola la Fame)

    b.1) E' un sito di Trasduzione, in particolare ad una riduzione della Insulina nel Sangue, ovvero, esso ad un calo di Insulina ricevuto in input come Stimolo e(t) produce in output le tre risposte Ru(t) Risposta Umorale, Rvm(t) Risposta Visceromotoria, Rsm(t) Risposta Motoria Somatica come nel caso a)

  2. L'Organo Subfornicale
    a.1) E' un sito di Trasduzione, in particolare ad un aumento della Angiotensina II nel Sangue, ovvero, esso ad un aumento della Angiotensina II ricevuto in input come Stimolo e(t) produce in output le tre risposte Ru(t) Risposta Umorale, Rvm(t) Risposta Visceromotoria, Rsm(t) Risposta Motoria Somatica come segue:
    a.1.1) Ru(t) aumenta la Vasopressina
    a.1.2) Rvm(t) attiva la Divisione Simpatica
    a.1.3) Rsm(t) attiva il Comportamento Alimentare (Stimola la Sete)

  3. L'Organo Vascolare della Lamina Terminalis (Abbreviato in OVLT)
    a.1) E' un sito di Trasduzione, in particolare ad un aumento della Tonicità del Sangue [Come già visto in precedenza la Tonicità in Chimica è una misura comparativa della Pressione Osmotica di due Soluzioni separate da unaMembrana Semipermeabile, così come indicato nell'articolo di Wiki quiovvero, esso ad un aumento della Tonicità del Sangue ricevuto in input come Stimolo e(t) produce in output le tre risposte Ru(t) Risposta Umorale, Rvm(t) Risposta Visceromotoria, Rsm(t) Risposta Motoria Somatica come nel caso dell'Organo Subfornicale. 

domenica 4 novembre 2012

Domande di Riepilogo del Capitolo XVI di Neuroscience - Exploring the Brain, Motivation. Domanda numero 5

Queste sono le domande di riepilogo del Cap XVI "La Motivazione" (Motivation) 

 
5. Cosa si intende in termini Neurali per Dipendenza da Cioccolato? In che modo il Cioccolato agisce migliorando l'Umore? 

In questo articolo si evidenzia come i cibi contenenti Triptofano (in special modo i Carboidrati) abbiano un ruolo fondamentale sull'Umore, poichè il Triptofano è un precursore della Serotonina. 

Citiamo testualmente: L'aumento della Concentrazione di Triptofano nel Sangue e di Serotonina nel Cervello, è una giustificazione verosimile per gli effetti di innalzamento dell'Umore dopo aver consumato del cioccolato.
Questo effetto dei Carboidrati sull'Umore sono particolarmente evidenti durante periodi di Stress, e spiegherebbero il comportamento di ricerca spasmodica di cibo, e l'aumento di peso tipico degli studenti nei primi anni di college [o di università].

venerdì 2 novembre 2012

Domande di Riepilogo del Capitolo XVI di Neuroscience - Exploring the Brain, Motivation. Domanda numero 4

Queste sono le domande di riepilogo del Cap XVI "La Motivazione" (Motivation) 


4. Si descriva un modo attraverso il quale gli Assoni del Nervo Vago sono in grado di Stimolare il Comportamento Alimentare ed uno attraverso il quale lo Inibiscono. 

In questo articolo si vede come il Nervo Vago veicola informazioni che inducono la Sete Volumetrica. Citiamo testualmente:

La Sete innescata dall'Ipovolemia è detta Sete Volumetrica. Nel precedente articolo su indicato (e nelle relative domande di riepilogo) abbiamo usato l'esempio del Volume ridotto di Sangue per illustrare quando e come la Vasopressina è Rilasciata dal Lobo Posteriore della Ghiandola Pituitaria dalle Cellule Magnocellulari Neurosecretorie. La Vasopressina (detta anche Ormone Anti-diuretico o ADH acronimo dell'inglese Anti-Diuretic Hormon ) agisce direttamente sul Rene per incrementare la Ritenzione Idrica ed inibire la produzione di Urine. Il rilascio di Vasopressina associato con la Sete Volumetrica è innescato da due tipi di Stimoli.
a) Aumento nel Sangue dei livelli di Angiotensina II, che si verificano come Risposta ad un afflusso ridotto di Sangue ai Reni. L'Angiotensina II agisce sui Neuroni dell'Organo Subfornicale nel Telencefalo, il quale di conseguenza Stimola direttamente le Cellule Magnocellulari Neurosecretorie dell'Ipotalamo a rilasciare Vasopressina.
b) I Meccanorecettori nelle pareti dei principali Vasi Sanguigni e Cuore Segnalano il calo di Pressione Sanguigna che si associa ad una riduzione del Volume complessivo di Sangue.

Questi Segnali trovano il loro percorso fino all'Ipotalamo attraverso il Nervo Vago ed il Nucleo del Tratto Solitario.


Abbiamo un riferimento al Nervo Vago anche in questo articolo  e citiamo testualmente:

Il pasto termina quando si ha una sovrapposizione di azioni di diversi Segnali di Sazietà, noi ne prenderemo ora in considerazione tre.
  1. Distensione Gastrica: Abbiamo tutti presente la sensazione di "pienezza" dopo un pasto. Come ci si può aspettare, la dilatazione delle pareti dello Stomaco è un potente Segnale di Sazietà. Le pareti dello Stomaco sono cospicuamente innervate da Assoni Meccanosensori la maggior parte dei quali risale fino al Cervello attraverso il Nervo Vago (Nervo Cranico X) il quale contiene un insieme di Assoni Sensori e Motori, che si originano nella Medulla Oblongata, che si diramano in modo articolato attraverso una grande quantità di cavità del Corpo ( il termine "Vago" viene dal latino "Vagus" ossia Vagabondo). Gli Assoni del Nervo Vago attivano dei Neuroni nel Nucleo del Tratto Solitario della Medulla Oblongata. Questi segnali inibiscono il Comportamento Alimentare. [...]
  2. Colecistochinina (CCK): Questo Peptide inibisce [riduce] la Frequenza dei pasti e la loro quantità. Esso è presente in alcune Cellule che sono allineate nell'Intestino ed in alcuni Neuroni della Divisione Enterica dell'ANS. Essa viene rilasciata a seguito di Stimoli a cui viene sottoposto l'Intestino da parte di alcuni cibi, specialmente se ricchi di grassi. La maggiore azione della CCK come Peptide Segnale di Sazietà viene esercitata sugli Assoni Sensori nel Nervo Vago. La CCK agisce sinergicamente con la Distensione Gastrica per inibire il Comportamento Alimentare. E' curioso notare come la CCK, al pari di altri Neuropeptidi Gastrointestinali, è anche contenuta in alcuni gruppi selezionati di Neuroni del CNS.

Quindi riassumendo, nel caso di Sete Volumetrica gli Assoni del Nervo Vago veicolano segnali che stimolano il Comportamento Alimentare (o meglio la Sete), invece quando siamo in presenza di Distensione Gastrica e di rilascio di CCK gli Assoni del Nervo Vago veicolano questi Segnali di Sazietà per cui inibiscono il Comportamento Alimentare.