martedì 19 febbraio 2013

I Meccanismi Cerebrali delle Emozioni: Di speciale interesse; La Lobotomia Frontale

Pag 578 del testo.

Sin dall'epoca delle scoperte di Klüver, Bucy, ed altri che le Lesioni Cerebrali possono alterare il Comportamento Emozionale, i Clinici hanno tentato mediante la Chirurgia di trattare severi Disordini Comportamentali negli Esseri Umani.
Al giorno d'oggi è difficile per molti immaginare che distruggere una grande porzione del Cervello si pensava un tempo che fosse terapeutico!
Infatti, nel 1949 il Premio Nobel per la Medicina fu assegnato al Dr. Egas Moniz  [c'è una nutrita schiera di Neuroscienziati Portoghesi ] per il suo Sviluppo della Tecnica della Lobotomia Frontale.
Ancor più strano è che Moniz era stato colpito alla Spina Dorsale da un Paziente Lobotomizzato ed era stato parzialmente paralizzato.

Sebbene la Lobotomia non sia più utilizzata, dopo la Seconda Guerra Mondiale ne furono praticate decine di migliaia.

Una piccola Teoria fu a sostegno della Lobotomia.
Negli anni '30 John Fulton e Carlyle Jacobsen della Yale University riportarono che Lesioni ai Lobi Frontali degli Scimpanzè procuravano effetti calmanti.
Questo suggerì l'idea che le Lesioni Frontali avevano questo effetto perchè determinavano la distruzione delle Strutture Limbiche ed in particolare le Connessioni con la Corteccia Frontale e la Corteccia Cingolata.
Il principio ispiratore di questa Tecnica Chirurgica era qualcosa del tipo: Il Sistema Limbico controlla le Emozioni, quindi le persone con Problemi Emozionali possono trarre giovamento se noi Alteriamo questo Sistema. [Sarebbe come se ad uno con problemi ai Reni decidessimo di togliere i Reni per risolvere il problema... ].
In altre parole, piccole Emozioni sono una cosa buona, ma un eccesso di Emozioni è debilitante, e questo problema poteva essere risolto Chirurgicamente [ e magari trasforma i cittadini in sudditi obbedienti, il sogno di qualsiasi dittatore... ].
Una agghiacciante varietà di Tecniche furono impiegate per procurare Lesioni ai Lobi Frontali.
[ Roba da "Saw - L'Enigmista" ].
Nella Tecnica conosciuta come Lobotomia Transorbitale, illustrata nella figura che segue, un bisturi era inserito attraverso l'Osso nell'Arcata Superiore dell'Orbita Oculare. Il manico del bisturi veniva allora fatto oscillare medialmente e lateralmente per distruggere le Cellule ed i Percorsi di Interconnessione. Migliaia di persone furono Lobotomizzate con questa Tecnica, talvolta definita "Psicochirurgia Rompighiaccio" [fa rabbrividire in tutti i sensi, ma fa ancor più rabbrividire sapere che la Lobotomia fu particolarmente apprezzata e praticata proprio in Italia, poi ci chiediamo perchè le cose qui non vanno proprio benissimo, evidentemente ci sono ancora parecchi Lobotomizzati in circolazione.... ].
Questa Tecnica era talmente semplice da praticare che poteva essere praticata anche da un Medico di Base [ Lobotomia Ambulatoriale].
Si tenga presente che anche se questa Tecnica non lasciava praticamente alcuna cicatrice esterna i Medici non avevano alcuna idea di ciò che avevano distrutto internamente.


La Lobotomia Frontale, secondo le testimonianze, aveva effetti benefici su degli individui affetti da un certo numero di Disordini, incluse le Psicosi, Depressione, e varie Nevrosi. 
Gli effetti dell'Intervento Chirurgico erano descritti come un sollievo dall'Ansia, ed una salvezza da Pensieri Insopportabili. 
Solo in seguito emergeranno esempi di Effetti Collaterali meno piacevoli.
Anche se la Lobotomia Frontale determinava solo una piccola riduzione del Quoziente Intellettivo e relativamente modeste perdite di Memoria, essa produce effetti assai più profondi in altri ambiti.
Le variazioni che appaiono Correlate con le Lesioni al Sistema Limbico provocate dalla Lobotomia Frontale sono: 
(a) Ottundimento delle Risposte Emozionali
(b) Perdita della Componente Emozionale del Pensiero
[diciamo una "freddezza" complessiva].
Inoltre i pazienti Lobotomizzati spesso sviluppavano un "Comportamento inappropriato" ovvero un apparente riduzione degli Standard di Moralità [una certa incoscienza o disinibizione, mancanza di pudore o di consapevolezza, del rispetto, si in pratica il comportamento caratteristico degli antiberlusconiani ].
Come nel caso di Phineas Gage, [di cui abbiamo parlato qui] i pazienti mostravano evidenti difficoltà a pianificare ed a lavorare al fine di perseguire uno scopo.
I pazienti Lobotomizzati avevano anche problemi di concentrazione, e venivano facilmente distratti.
Forse più precisamente, con la nostra modesta comprensione della Circuiteria Neurale sottostante le Emozioni ed altre Funzioni Cerebrali, è molto difficile giustificare la Distruzione di una grande porzione del Cervello. 
Per fortuna, i trattamenti di Lobotomia si sono nel tempo drasticamente ridotti, ed oggi la Terapia Farmacologica è il trattamento primario per la cura dei Disturbi Emozionali severi. 




Nessun commento: